ASSOCIAZIONE

 

O.N.L.U.S.


L'associazione ONLUS della Fraternità nasce con lo scopo di costituire il supporto giuridico alla Fraternità perseguendo esclusivamente finalità di solidarietà sociale.

Scopo dell'Associazione è lo svolgimento di attività nel settore di beneficenza, assistenza familiare, sociale e sanitaria.

L’associazione, per raggiungere le proprie finalità, si propone di:

  • porre in essere iniziative rivolte ad assicurare assistenza, anche in forma residenziale, per le persone meno abbienti, persone non autosufficienti, persone interessate da specifiche patologie psichiche, nei limiti delle norme vigenti in materia, per le persone anziane, per le persone, anche straniere, in condizione di emarginazione dipendente da eventi sociali oggettivi e soggettivi, nei limiti delle norme vigenti in materia, per le persone in età minorile, anche non autosufficienti;
  • operare, attraverso attività di volontariato in forma continuativa, gratuita ed organizzata e con persone adeguatamente qualificate e competenti, nel settore dei servizi socio sanitari nel rispetto della legge quadro sul volontariato secondo lo spirito e l’ordinamento della legislazione internazionale, nazionale e regionale in materia di sanità, di servizi sociali e volontariato, in coerenza con le proprie finalità statutarie. L’Associazione svolge la propria attività a livello regionale, nazionale ed internazionale quale strumento di promozione, di difesa e tutela della salute dell’uomo, di partecipazione, di sensibilizzazione, di animazione e di testimonianza nel mondo socio-sanitario, per dare una adeguata risposta ai reali bisogni dei cittadini in stato di bisogno e di sofferenza.
  • sviluppare e curare l’assistenza morale, materiale ed economica di appartenenti alle forze armate e alle forze di polizia sia essi in servizio che in congedo, in situazione di disagio, ed ai loro familiari; 
  • assicurare servizi di assistenza giudiziale e stragiudiziale alle famiglie disagiate;
  • costituzione e gestione di uno sportello informativo front office volto all’informazione e diffusione di buone prassi nello specifico settore;
  • la realizzazione di programmi di educazione scolastica e professionale, ivi compresi stages di perfezionamento, in loco, in Italia o in altri Paesi in via di sviluppo destinati a soggetti svantaggiati;
  • la realizzazione di programmi e/o interventi di informazione e di comunicazione che favoriscano una maggiore partecipazione delle popolazioni ai processi di democrazia, di cooperazione e di sviluppo, in Italia e/o nei Paesi in via di sviluppo;
  • la  promozione e la realizzazione, in Italia, nei Paesi in via di sviluppo ed a livello comunitario, di programmi di educazione ai temi dello sviluppo, anche nell’ambito scolastico, e di iniziative volte all’intensificazione degli scambi culturali tra l’Italia e i Paesi in via di sviluppo, con particolare riguardo a quelli tra i giovani e minori;
  • sostenere  materialmente e spiritualmente i poveri;
  • sostenere i cristiani perseguitati nel mondo;
  • aprire e gestire centri di aggregazione giovanile finalizzati al perseguimento dell’integrazione sociale, in particolare negli ambienti di degrado, rivolti a giovani in età prescolare e/o scolare. Detti interventi hanno come obiettivo il recupero e la frequenza scolastica, mirando all’assistenza e a quant’altro possa servire per la perfetta integrazione, anche con l’organizzazione e gestione di corsi o stage di ceramica, d’informatica, di disegno, di ballo e canto, incontri musicali e tornei sportivi, in collaborazione con le scuole frequentate dai ragazzi e con gli insegnanti;
  • gestire mense per i poveri con annessi locali per l’accoglienza dei senza tetto;
  • promuovere, coordinare e gestire servizi, attività e progetti, volti a prevenire nella popolazione ogni forma di disagio, di abbandono, di devianza e di dipendenza patologica, volti alla prevenzione del disadattamento, della criminalità minorile e dell’uso di sostanze di abuso, anche mediante la realizzazione di servizi e di interventi finalizzati al trattamento e al sostegno di minori e adulti in difficoltà.
  • coordinare e gestire servizi, promuovere, creare, strutture residenziali, semi-residenziali, educative e assistenziali, centri di accoglienza, di ospitalità e di incontro, comunità alloggio, case albergo, case famiglia e comunità di tipo familiare, case protette, case di riposo, R.S.A., centri di aggregazione ricreativi, culturali e sociali, mense, centri sociali e ambulatori di servizi specialistici, comunità terapeutico riabilitative, C.T.A., volti a rispondere ai bisogni del territorio e delle persone disagiate, quali minori, soggetti vittime di maltrattamenti e/o abusi, inabili, anziani, portatori di handicap, malati terminali, gestanti e ragazze madri, cittadini stranieri residenti in Italia e immigrati in generale, persone dipendenti da sostanze di abuso, soggetti svantaggiati ex art. 4 legge 381/91 o appartenenti a fasce socialmente deboli e/o a rischio, persone con disturbi psichiatrici e, più in generale, persone in situazione di abbandono e/o difficoltà, di sofferenza o rischio di emarginazione;
  • promuovere, organizzare e gestire servizi per la prima infanzia, quali a titolo esemplificativo e non esaustivo micro-nidi e nidi, scuole materne, spazi famiglie, ludoteche, etc... dove i destinatari dei servizi saranno soggetti svantaggiati;
  • Creare e gestire centri di identificazione ed espulsione, centri di accoglienza richiedenti asilo ed immigrati in generale;
  • Promuovere, sostenere e gestire servizi alle persone, anche con forme di affidamento familiare, favorendo l’accoglimento presso nuclei familiari, in particolare di minori privi di idoneo ambiente familiare, anziani, inabili e altri soggetti privi di assistenza familiare, e favorire interventi di ricovero per assistenza di tipo continuativo a persone fisicamente non autosufficienti o aventi necessità particolari.
  • Attuare forme di assistenza idonee a sostenere ogni persona in situazioni temporanee o permanenti di insufficienza di mezzi economici e/o di inadeguata assistenza familiare;
  • Promuovere, realizzare e gestire interventi, progetti e servizi per i detenuti presso gli istituti di pena o agli arresti domiciliari;
  • Promuovere, realizzare e gestire interventi, progetti, servizi in favore di soggetti nei rapporti con l’autorità giudiziaria (minori, tossicodipendenti, detenuti, immigrati, ect…) e in favore delle famiglie bisognose, dei detenuti e delle vittime di delitti, e attuare forme di assistenza post-penitenziaria;
  • Promuovere studi e verifiche dei bisogni territoriali e delle problematiche sociali, mediante analisi e ricerche di tipo epidemiologico-statistico e sociologico, anche attraverso l’istituzione di centri studi e osservatori, che svolgano sia attività di raccolta, elaborazione di dati socio-economici e ambientali, sia attività di sensibilizzazione della pubblica opinione;
  • Organizzare e gestire consultori familiari, sportelli di ascolto, di consulenza ed assistenza legale ed economica, di sostegno psico-pedagogico; 
  • Promuovere, anche attraverso la creazione e gestione di scuole, istituti post-laurea e scuole di specializzazione, l’istruzione e la formazione spirituale, culturale e professionale della popolazione, con particolare riferimento alle fasce deboli;
  • Promuovere e realizzare, anche in collaborazione con altri soggetti pubblici e/o privati, ogni attività volta a favorire l’orientamento e la ricerca di lavoro; 
  • Promuovere, ideare e realizzare, divulgare e diffondere i fini sociali attraverso la creazione di siti internet, blog, forum, news-letter, bollettini o pubblicazioni (libri, giornali, riviste, opuscoli, brochure, dvd, informazione televisiva, on-line e radiofonica e ogni altra attività pubblicitaria);

 


CONDIVIDI IL NOSTRO SITO

CONTATTI

Telegram: @fraternitaBetlemmediEfrata

Email: segreteria@fraternitabetlemmediefrataonlus.it

Facebook: fraternita.betlemmediefrata